«80 dollari per sesso orale.» Sacerdote risponde ad annuncio online di minore, arrestato.

James Patrick Grady

James Patrick Grady

ST. LOUIS – Il reverendo James Patrick Grady, 57 anni, pastore della Archangel Catholic Church, è stato arrestato con l’accusa di essersi accordato con una ragazza di 16 anni per sesso orale a pagamento.

Secondo i documenti della corte, il sacerdote avrebbe risposto ad un annuncio online in cui venivano offerte prestazioni sessuali da giovani ragazze in cambio di denaro.

Quello che Grady non sapeva, però, è che dall’altra parte non c’era una ragazzina pronta a soddisfare i suoi “disgustosi pruriti”, ma l’agente speciale del FBI, Cynthia Dockery.

Gli annunci facevano parte di una vasta operazione sotto copertura volta a smascherare lo sfruttamento della prostituzione minorile. Lo scorso 29 Luglio, il sacerdote ha risposto via posta elettronica chiedendo più informazioni.

Nel corso dello scambio di emails, gli è stata inviata una fotografia modificata di una giovane ragazza, della quale ha successivamente richiesto il “prezzo”: 80 dollari per mezz’ora di prestazioni sessuali,  160 per un’ora. Informato dell’età della ragazza (16 anni), Grady ha risposto che «non c’era alcun problema».

Vedendosi negato un massaggio completo del corpo che aveva inizialmente preteso, ha deciso di optare per dei baci e del sesso orale (“OK. What about kissing with bj?”).

Secondo la dichiarazione firmata da Cynthia Dockery, Grady avrebbe contattato telefonicamente l’agente sotto copertura e si sarebbe accordato sul luogo dell’incontro.

Dopo essersi presentato al luogo prestabilito e aver incontrato l’agente sotto copertura di fronte alla casa, il prete ha chiesto di vedere le ragazze e ha indicato di avere il denaro per pagare la prestazione.

Insospettitosi, ha tentato di lasciare la casa ma è stato subito arrestato. Grady ha ammesso di aver mandato le emails e di essere un sacerdote,  giustificandosi di esseri recato alla casa perché «curioso».

Secondo l’avvocato Howard Marcus, le prove contro di lui, però, sarebbero schiaccianti: email, telefonate, le sue dichiarazioni dopo l’arresto e un video che testimonierebbe la sua visita alla casa dove avrebbe dovuto incontrare la 16enne.

L’arcivescovo di St. Louis, Robert J. Carlson, si è scusato con la parrocchia e ha sospeso padre James Patrick Grady in attesa della fine del processo.

«So che alcuni di voi sono feriti, alcuni scandalizzati, altri imbarazzati per cui è importante per me essere qui con voi,» ha detto Carlson durante la messa del Sabato. «Sono qui per scusarmi a nome della chiesa e spero di aiutarvi, come comunità parrocchiale, ad iniziare il processo di guarigione spirituale».

Il sacerdote, intanto, si è dichiarato non colpevole all’udienza preliminare, in risposta all’accusa di aver tentato di ottenere un minore per sesso a pagamento. Reato per il quale la pena potenziale va dai 10 anni al carcere a vita.

Fonti: United Press International, St Louis Today

Advertisements

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...