ESCLUSIVO: Il professor Mark Waterinckx conferma le accuse contro Padre Jozo, abusi sessuali su ragazze in pellegrinaggio a Medjugorje

Mark Winterinkcx

Mark Waterinckx

AGGIORNAMENTO 11/09/2009: INCHIESTA ESCLUSIVA: «Nessuno dei veggenti di Medjugorje si è mai arricchito grazie alle apparizioni.» Ecco le prove del contrario.

AGGIORNAMENTO: Padre Jozo in totale isolamento come Tomislav Vlasic

Dopo aver letto il commento all’articolo sui motivi della sospensione di Padre Jozo, ci siamo attivati per ottenere dal diretto interessato, il professor Mark Waterinckx, il racconto di ciò che aveva personalmente riscontrato in merito alla vicenda degli abusi sessuali perpetrati da Padre Jozo Zovko su alcune pellegrine.

Quello che di seguito viene pubblicato, è il testo originale ed inalterato (esclusivamente tradotto in italiano, n.d.r) ricevuto dalla redazione de l’abAteo Impertinente direttamente dal professore belga.

Continua a leggere

Annunci

Medjugorje, Tomislav Vlasic ridotto allo stato laicale

Tomislav Vlasic

Tomislav Vlasic

AGGIORNAMENTO 11/09/2009: INCHIESTA ESCLUSIVA: «Nessuno dei veggenti di Medjugorje si è mai arricchito grazie alle apparizioni.» Ecco le prove del contrario.

Si apprende dal blog di Marco Corvaglia che l’ex Francescano Tomislav Vlasic è stato ridotto allo stato laicale, di seguito la trascrizione del provvedimento firmato dal Ministro Generale dell’Ordine dei Frati Minori, padre José Rodriguez Carballo.

“ORDO FRATRUM MINORUM MINISTER GENERALIS

Prot. N. 098714

Ai Ministri Provinciali di Bosnia-Erzegovina, Croazia e Italia.
Loro sedi

Carissimo Fratello Ministro,
il Santo Padre, accogliendo la richiesta di fr. Tomislav VLASIC, OFM, membro della minoritica Provincia di S. Bernardino da Siena (L’Aquila), responsabile di condotte lesive della comunione ecclesiale sia in ambito dottrinale che disciplinare ed incorso nella censura dell’interdetto, gli ha concesso la grazia della riduzione allo stato laicale (amissio status clericalis) e la dimissione dall’Ordine.

Continua a leggere

Prete ubriaco alla guida, troppo vin santo

Con i carabinieri che gli contestavano la guida in stato d’ebbrezza si è giustificato spiegando che il vino l’aveva sì bevuto, ma solo durante la celebrazione delle quattro messe del giorno. Una versione che non ha evitato il ritiro della patente ad un prete del milanese, don M. C., 41 anni.

Venerdì, poco dopo le 22, i militari l’hanno fermato all’uscita del casello dell’autostrada Milano-Torino e il test ha evidenziato una concentrazione di alcol nel sangue pari allo 0,8: poco più del limite massimo di 0,5 milligrammi al litro. A quel punto il sacerdote ha spiegato di essere astemio, ma di aver celebrato quattro messe in un giorno, bevendo il vino per l’Eucarestia.

Continua a leggere