USA: crescono del 16% i casi di abusi sessuali per la Chiesa Cattolica

James Tully, prete pedofilo nascosto in Italia

James Tully, prete pedofilo nascosto in Italia

Un nuovo rapporto, commissionato dalla Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti, sostiene che lo scorso anno, il numero di accuse per abusi sessuali subiti da sacerdoti Cattolici è aumentato del 16%.

Lo studio ha coinvolto circa 200 diocesi e ordini religiosi degli USA, e ha mostrato che 803 nuove denunce sono state presentate l’anno passato, contro le 692 del 2007.

Due terzi delle vittime erano di sesso maschile, mentre più della metà era al di sotto dei 18 anni quando è stato perpetrato l’abuso e uno su cinque era al di sotto dei 10 anni.

Continua a leggere

Article 19 lancia campagna per il ‘NO’ sul voto per la diffamazione delle religioni al Consiglio dei Diritti Umani

Article 19

Article 19

L’organizzazione per la difesa della libertà di espressione e di informazione di Londra Article 19, ha iniziato una campagna per il ‘NO’ sul voto per la diffamazione delle religioni al prossimo Consiglio dei Diritti Umani che si terrà a Ginevra.

Da un comunicato apparso sul sito dell’associazione, si apprende che l’Organizzazione della Conferenza Islamica (OIC) è intenzionata a proporre una risoluzione per combattere la diffamazione delle religioni, anche se non ne è stato ancora reso pubblico il testo.

Continua a leggere

Padre Jozo Zovko abbandona Medjugorje e si ritira su un’isola

Padre Jozo Zovko

Padre Jozo Zovko

AGGIORNAMENTO 11/09/2009: INCHIESTA ESCLUSIVA: «Nessuno dei veggenti di Medjugorje si è mai arricchito grazie alle apparizioni.» Ecco le prove del contrario.

AGGIORNAMENTO: Padre Jozo in totale isolamento come Tomislav Vlasic

AGGIORNAMENTO: La testimonianza di Mark Waterinckx: conferma alle accuse di abusi sessuali

AGGIORNAMENTO: ABUSI SESSUALI DIETRO LA SOSPENSIONE DI PADRE JOZO

Padre Jozo Zovko, attuale direttore spirituale dei presunti “veggenti” di Medjugorje nonché figura emblematica del “fenomeno Medjugorje”, ha deciso di allontanarsi a tempo indeterminato dalla parrocchia di Siroki Brijeg e dalla guida di Medjugorje, suscitando non poco stupore e sospetti tra i suoi sostenitori.

In una missiva fatta circolare da Vesna Cuzic attraverso un organizzatore di pellegrinaggi francese e pubblicata dal blog Crown of Stars, viene reso noto che padre Jozo avrebbe deciso di prendersi un periodo di pausa per motivi di salute e per l’inizio di lavori edili sull’isola di Badija, dove si sarebbe ritirato dal 2 Febbraio scorso.

Ufficialmente, il suo Superiore Provinciale Francescano,fra Ivan Sesar, ha dichiarato che padre Jozo avrebbe richiesto un “anno sabbatico”, senza però specificarne il motivo. Nel frattempo tutti gli impegni per il 2009 sono stati cancellati ed ha chiesto ai collaboratori e organizzatori di pellegrinaggi di non fissare alcun incontro con lui.

Continua a leggere

Il testo integrale della sospensione di Padre Jozo Zovko

padre Jozo Zovko

padre Jozo Zovko

AGGIORNAMENTO 11/09/2009: INCHIESTA ESCLUSIVA: «Nessuno dei veggenti di Medjugorje si è mai arricchito grazie alle apparizioni.» Ecco le prove del contrario.

AGGIORNAMENTO: Padre Jozo in totale isolamento come Tomislav Vlasic

AGGIORNAMENTO: La testimonianza di Mark Waterinckx: conferma alle accuse di abusi sessuali

AGGIORNAMENTO: ABUSI SESSUALI DIETRO LA SOSPENSIONE DI PADRE JOZO

IL DECRETO DEL VESCOVO A FRA JOZO ZOVKO, OFM
Mostar, 26 giugno 2004. // Prot.: 843/2004.

Reverendo padre Fra JOZO ZOVKO
Convento francescano – Široki Brijeg
———————————————
Per conoscenza:
Curia provinciale OFM – Mostar
Curia generalizia OFM – Roma

Reverendo fra Jozo,

Seguo il Suo comportamento in questa Chiesa e in genere non l’approvo da più di dieci anni. Infatti da quando ho preso il governo delle Diocesi, nel 1993, L’ho trovata nel Suo status ecclesiastico irregolare, nel quale Lei vive anche oggigiorno.
Qui riassumerei tale status, il Suo comportamento ed insegnamento.

Continua a leggere

Crisi nel Vaticano: Ratzinger si isola nel suo palazzo

Benedetto XVI

Benedetto XVI

CITTA DEL VATICANO – Una Curia allo sbando, un Papa chiuso nel suo palazzo e costretto a fronteggiare una bufera che l’Osservatore Romano definisce senza esempi in tempi recenti. E fughe di notizie che l’organo vaticano bolla come “miserande”. Quattro anni dopo la sua elezione Benedetto XVI sperimenta una crisi cruciale del suo pontificato. Ferito e solo, ha scritto parole amare ed aspre ai vescovi di tutto il mondo, lamentando che – per la vicenda della scomunica condonata ai quattro vescovi lefebvriani e specie per il caso Williamson – proprio ambienti cattolici gli abbiano mostrato un'”ostilità pronta all’attacco”. Persino arrivando a trattarlo, lui dice, con “odio senza timore e riserbo”.

Continua a leggere

padre Livio Fanzaga attacca gli atei: siete figli di satana

Kenya: anziano ucciso per stregoneria

Anziani

Anziani

MOMBASA – Appena tre giorni dopo l’esposto del Daily Nation sul dilagare di omicidi per stregoneria, un uomo di 50 anni è stato lapidato a morte da un gruppo di giovani. Mzee Karisa Baya Musanzu è stato ucciso pochi minuti dopo la sepoltura di suo figlio, George Karisa Baya, anch’egli accusato di stregoneria.

I parenti avrebbero organizzato l’assassinio in un meeting a porte chiuse, pianificando la lapidazione subito dopo la sepoltura del figlio“, afferma il capo della polizia locale Peter Kattam.

Continua a leggere

Nuova Guinea: dozzine di omicidi per stregoneria, amnesty international chiede l’intervento delle autorità

Streghe

Streghe

Amnesty International ha chiesto oggi al governo di Papua Nuova Guinea di agire immediatamente per porre fine a un’ondata di oltre 50 omicidi che ha colpito persone accusate di stregoneria. L’ultimo episodio si è verificato domenica 8 febbraio nel villaggio di Ban, nei pressi della città di Mount Hagen: Plak Mel Doa, 60 anni, è stato ucciso e poi gettato nelle fiamme; suo figlio Anis Dua è stato bruciato vivo. I due uomini erano sospettati di aver causato la morte di una persona di rilievo del villaggio, mediante una stregoneria.

Quando decine di persone vengono uccise a seguito di una letterale caccia alle streghe, è evidente che il governo non sta facendo abbastanza per proteggere i propri cittadini e garantire il rispetto della legge” – ha dichiarato Apolosi Bose, ricercatore di Amnesty International per le isole del Pacifico.

Continua a leggere

Bimba di 9 anni stuprata abortisce: l’arcivescovo scomunica i medici

Arcivescovo Josè Cardoso Sobrinho

Arcivescovo Josè Cardoso Sobrinho

CITTA’ DEL VATICANO – Imbarazzo, rabbia, dolore, pietà, ma anche una sola incrollabile certezza: “Abortire è peccato. Sempre”. Queste le prime reazioni “a caldo” colte in Vaticano alla notizia che la Chiesa cattolica brasiliana ieri ha scomunicato i medici che qualche giorno fa hanno autorizzato l’aborto ad una bambina di 9 anni rimasta incinta in seguito alle violenze sessuali subite dal patrigno da quando aveva 6 anni. “E’ una tragedia grandissima, specialmente per quella povera bambina, ma la pena della scomunica andava sanzionata perché lo prevede espressamente il Codice di Diritto Canonico di fronte ad un palese caso di aborto procurato”, spiegano riservatamente alla Pontificia Accademia per la Vita.

Continua a leggere

Sacerdote condannato per pedofilia, le motivazioni della sentenza

Nulla vidi!

Nulla vidi, nulla sentii, nulla dissi!

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Francesco Chiaromonte, ha emesso le motivazioni della sentenza, con la quale lo scorso mese di novembre ha condannato a 6 anni ed 8 mesi don Marco Cerullo, il sacerdote 35enne di Villa Literno arrestato nel dicembre del 2007 con l’accusa di aver compiuto abusi sessuali ai danni di un ragazzino di 12 anni.

Il Gip ha anche disposto anche una provvisionale di 50mila euro, immediatamente esecutiva a carico del sacerdote. Cerullo, all’epoca dei fatti era il vice parroco della chiesa del Santissimo Salvatore a Casal di Principe, e secondo gli inquirenti fu sorpreso dai carabinieri in flagranza di reato mentre abusava del ragazzino, di cui era insegnante di religione. Un fatto grave in merito al quale la Diocesi di Aversa non ha mai preso una posizione ufficiale, nemmeno dopo la condanna.

Continua a leggere